Anna Detheridge, teorica delle Arti Visive, saggista e giornalista. Curatrice di diverse mostre e rassegne, tra le quali INNATURA. X Biennale internazionale di fotografia, Palazzo Bricherasio, Torino (2003); Arte Pubblica in Italia: lo spazio delle relazioni, Cittadellarte – Fondazione Pistoletto, Biella (2003) e Le Immagini al Potere, Fondazione Mazzotta, Milano (1996). Ha insegnato al Politecnico di Milano, all’Università Bocconi, all’Università Iulm, all’Accademia di Brera, all’Art Institute di Chicago (SAIC). Ha scritto per le seguenti testate:  Il Sole 24 ore, L’INDICE, Estetica, Prometeo, Domus, Il Giornale dell’Arte, Il Globo, 24, Abitare, Specchio, Ottagono, Economia della Cultura, Tafter. Nel 2001 ha fondato l’Associazione Culturale non profit Connecting Cultures, attiva nel campo delle politiche culturali, dell’arte pubblica, della progettazione e della formazione. La sua pubblicazione più recente Scultori della Speranza, l’arte nel contesto della Globalizzazione (Einaudi 2012). Vive e lavora a Milano.

 

Gabi Scardi, critica d’arte, curatrice e docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È stata consulente per l’arte visiva della Provincia di Milano (2005-2009). Dal 2011 è curatrice del progetto nctm e l’arte. Ha co-curato il CECAC – Corso Europeo per Curatori d’Arte Contemporanea, Provincia di Milano e fondazione Ratti (2007- 2008-2009). Ha operato in qualità di curatrice presso musei internazionali. È autrice e curatrice di diverse pubblicazioni tra le quali: Paesaggio con figura: Arte, sfera pubblica, trasformazione sociale (Allemandi 2011).

 

Connecting Cultures, agenzia di ricerca con sede a Milano, fondata da Anna Detheridge, attiva nell’ambito delle arti visive. Inizia la propria attività nel 2003 con la mostra Arte pubblica in Italia: lo spazio delle relazioni inaugurata a Biella presso Cittadellarte. Cura progetti pubblici che accompagnano la rigenerazione del territorio e la formazione interdisciplinare. Attualmente è impegnata in un progetto culturale multidisciplinare dedicato al tema della moda etica e consapevole. Il primo importante appuntamento è rappresentato da out of fashion, primo masterclass di alta formazione sulla cultura della moda consapevole, etica e innovativa, in partnership con realtà di prestigio quali London College of Fashion e Fondazione Gianfranco Ferré. La mostra Fashion as Social Energy è un ulteriore passo in questa direzione.

www.connectingcultures.info